Il futuro di Milano: il taxi elettrico

Presso la fiera di Hannor è stato presentato il concept di taxi elettrico che servirà la città di Milano nel futuro. Il taxi si presenta con una “divisa” nero-verde per onorare degli antichi taxi meneghini e con una linea che richiama il “Samba Bus” che risale agli anni cinquanta. In questo progetto l’idea è stata della Volkswagen; il “Green Taxi” viene collocata all’interno del progetto milanese Water de’ Silva, capo del design della prima casa automobilistica che ha scelto Milano come città ideale per lo sviluppo della mobilità del futuro.

Ma andiamo ora ad analizzare meglio il prototipo di “Green Taxi” realizzato dalla casa tedesca: questa ha un motore elettrico che ha un picco di potenza di 85 kW (potenza costante 50 kW) e può arrivare fino ad una velocità massima di 120 km/h. Il motore viene alimentato da una batteria agli ioni di litio adattato nel sottoscocca. Grazie alla capacità di 45 kilowattora (kWh) e al peso relativamente contenuto del veicolo di 1.500 kg, nonostante la batteria, si possono raggiungere, a seconda della modalità di guida, distanze fino a 300 km. Con una ricarica di circa un’ora è possibile raggiungere una ricarica con l’80% della sua capacità complessiva.Il Green Taxi è alto 1,60 metri, lungo 3,73 metri e largo 1,66 metri e, inoltre,  è dotato di una porta rototraslante solo sul lato passeggero: possiamo notare così che la porta ha un’apertura molto ampia anche in altezza.Tra l’altro un’altra novità di questo taxi è che manca il sedile del passeggero; infatti, al suo posto troviamo la zona destinata ai bagagli. Questo permetterà ai viaggiatori di potersi occupare autonomamente dei propri bagagli.