Dalla Svizzera è partito un aereo a energia solare. Si prevedono 24 ore di volo ininterrotto

Dopo le auto elettriche sono iniziati in Svizzera i test su uno dei primi prototipi di aerei a energia solare. Dopo un primo decollo annullato negli scorsi giorni per un problema a un componente elettrico, è decollato senza alcun problema stamani all’incirca alle sette alla velocità di 35 chilometri l’ora dalla base militare di Payerne, con ai comandi il pilota, oltre che cofondatore del progetto insieme a Bertrand Piccard, André Borschberg.

Il prototipo necessita solamente di 90 metri per decollare e come unica fonte di energia ha a disposizione i pannelli solari situati sopra le ali, ricoperte da circa 12mila celle fotovoltaiche, che a loro volta alimentano quattro motori elettrici per una potenza complessiva di 40 cavalli. Nel velivolo sono anche presenti batterie di litio e polimeri del peso di circa 400 kg che dovrebbero permettere il volo anche durante la notte.

L’esperimento infatti dovrebbe precedere per circa 25-27 ore di volo continuato senza il pilota automatico, ma i tecnici a terra comunicheranno al pilota al tramonto se potrà continuare l’esperimento o se sarà costretto a ritornare a terra perchè le batterie no sono ancora abbastanza cariche per supportare una notte in quota. Mentre sorvolava il Jura, a 3300 metri di altitudine tutto andava per il meglio, ma il velivolo dovrà salire ancora fino a 8500 metri durante il test.

Il mezzo è il frutto di una ricerca ormai in atto da sette anni ed è stato denominato Solar Impulse, ha un’apertura alare paria quella di un Airbus A340 (cioè oltre 63 metri) e pesa circa 1600 kg.